Romea Strata: pellegrinaggio dal Passo Resia a Merano

ROMEA STRATA: pellegrinaggio dal Passo Resia a Merano

Questo antico percorso, che partiva dalla città di Augsburg (Augusta), è stato realizzato dall’imperatore Claudio e per questo prende il nome di Claudia Augusta. Dalla città tedesca la strada scendeva nell’attuale Austria, oggi conosciuta con il nome di Romantische Strasse. La strada entrava poi in Italia dal passo Resia e scendeva fino ad arrivare a Tridentum, attuale Trento, dove si biforcava. Molti pellegrini provenienti dal Centro Europa si dirigevano verso le Terre Bibliche tramite questa strada. Da passo Resia fino a Merano si incontrano antichi paesi con memorie medievali molto interessanti e vi sono anche delle significative realtà religiose come chiese ed abbazie. Dal 1700 ai primi del 1900, questa via è stata anche utilizzata dai bambini del territorio che si dirigevano nella Svevia, provincia della Baviera, per andare a lavorare nella campagna e con gli animali.

PROGRAMMA*

1° giorno - mercoledì 02 settembre: VICENZA - NOVACELLA - PASSO RESIA

Partenza alla mattina da Sant’Agostino. Visita dell’Abbazia di Novacella antico luogo di accoglienza dei pellegrini, fondata nel 1142 dal vescovo Hartmann. Qui vivono e operano i Canonici Regolari secondo la regola di S. Agostino. Visita della Basilica, il chiostro gotico, la ricca pinacoteca, la famosa biblioteca, il giardino storico e la cantina con una degustazione dei propri vini . Pranzo libero. Incontro e testimonianza dei canonici con benedizione del pellegrino. Poi proseguimento per Passo Resia dove si trova il suggestivo campanile che sorge nel Lago Resia. Cena e pernottamento a Glorenza.

 

2° giorno - giovedì 03 settembre: PASSO RESIA – BURGUSIO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Burgusio circa 18 km. Pranzo al sacco. A Burgusio visita dell’Abbazia di Monte Maria, abbazia benedettina più alta d’Europa, sacrario militare di passo Resia, chiesa di san Nicolò. Cena e pernottamento a Glorenza.

 

3° giorno - venerdì 04 settembre : BURGUSIO – PRATO ALLO STELVIO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Prato allo Stelvio circa 15 km. Pranzo al sacco. Lungo il percorso visita al museo Folcloristico di Laudes e alla chiesa di san Leonardo, sempre a Laudes. Si continua verso Glorenza, una delle città più piccole del mondo, gioiello della Val Venosta, caratterizzata dall'unica struttura fortificata completamente pervenuta delle Alpi, risalente al XVI secolo, con mura di cinta e tre pittoresche torri delle porte. A Prato allo Stelvio visita dell’antichissima chiesa di san Giovanni che sorge nella parte sud-orientale del paese, in mezzo al verde dei prati, costruita a uso proprio dai conti Tschengelsberg alla fine del 13° secolo in stile romanico. Cena e pernottamento a Glorenza.

 

4° giorno - sabato 05 settembre: PRATO ALLO STELVIO – SILANDRO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Silandro circa 17 km. Pranzo al sacco. Visita alla ferrovia marmifera di Lasa e alla chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista risalente al 1200 ed edificata su una chiesa preesistente. Il suo complesso fu distrutto dal grande incendio del XIX sec. il quale interessò buona parte delle opere architettoniche del paese. L’abside della chiesa di Lasa (elemento architettonico di epoca romanica, a forma di semicupola) è considerata una delle più belle dell’Alto Adige. Si prosegue per Covelano con visita alla chiesa di S. Martino nell‘alto medioevo era la chiesa madre di tutte le chiese della Val Venosta centrale. Secondo la leggenda la sua zona d’influenza si estendeva da Prato allo Stelvio a Ciardes e fino a Vent, nell’Ötztal. La chiesa è stata donata nel 1212 all’Ordine Crociato Teutonico. Da vedere un polittico del 15° sec., l’altare centrale barocco e un tabernacolo girevole del Settecento. Cena e pernottamento a Merano.

 

5° giorno - domenica 06 settembre: SILANDRO – NATURNO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Naturno circa 20 km. Pranzo al sacco. Visita al pittoresco Castello di Castelbello, menzionato già nel 1238, sorge su un imponente sperone di roccia sulla sponda sinistra dell’Adige. Cena e pernottamento a Merano.

 

6° giorno - lunedì 07 settembre: NATURNO- MERANO

Prima colazione. Partenza a piedi con destinazione Merano circa 16 km. Pranzo al sacco. Visita della città di Merano: Rione Steinach, la vecchia torre delle polveri, La Wandelhalle, questo lungo edificio, relitto fantastico della Belle Epoque Meranese, i portici lunghi 400 metri, Museo civico, la chiesa di San Nicolò o duomo di Merano. Cena e pernottamento a Merano.

 

7° giorno - martedì 08 settembre: NATURNO – VIPITENO - VICENZA

Prima colazione. Visita a castel Tasso a Vipiteno, considerato uno dei castelli più preziosi della storia altoatesina. Il castello non fu mai conquistato o devastato ed ancora oggi è ben conservato ed all'interno troviamo moltissimi oggetti e mobili antichi. Pranzo e rientro in pullman a Vicenza.

 

*le visite potrebbero subire variazioni

 

 


Progetto ideato e promosso da

Con la partecipazione di

 

 

Sponsor principale

 

Romea Strata
Ufficio Pellegrinaggi - Diocesi Vicenza, Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30 Contrà Vescovado, 3 • 36100 Vicenza tel. 0444-327146 • fax 0444-230896

© Copyright Omniaweb - web agency Padova